E CORSARO FU!

Ormai
ci siamo, manca veramente pochissimo al nostro raduno: le mappe delle discese
sono state pubblicate, i più ammanigliati, i più interessati, i più curiosi, i
più corsisti, i più Spuncia Inside e
i migliori conoscitori del Fasce hanno già carpito il nostro segreto, e allora
non c’è più motivo di mantenere i veli sulla nostra creatura.
 
Spunciabike è lieta di presentare IL CORSARO!!!!!!
 
 
 

Soliti
doverosi ringraziamenti al Gruppo Trekking Alta Valle Sturla, in particolare al
mitico RISSO, innamorato dei trail, compagnia sempre allegra e piacevole, e
nemico numero uno di rovi ed erbacce!!!! Un grande!!!!
 
Secondo
grazie a RobiRambo che ha portato tanta maestria di zappa, quanta poesia in
gruppo. A lui dobbiamo traccia ed engineering della parte alta ed i nomi propri dei
passaggi più caratteristici del nostro Corsaro:
 
 
 
  • Lo
    Strizzaculi
  • Il
    MILF, acronimo di “Mother I Like Fear” o di “Minkia Io L’ho Fatto” o, per
    ultimo, “Mannaggia Io Lì Freno” (tutte citazioni di RR ovviamente)….inzomma…vedete
    un po’ voi!
  • Il
    Giamp du Megi
  • Il
    CieloDuro

 

 

 

 

Insieme
a loro, grazie a tutto il resto della famiglia Spunciabike: a chi si e’
confermato campione mondiale di decce (Gio e Gian una spanna su tutti), ai
nuovi fuoriclasse che si sono subito uniti alla causa (Luca, Matte e Christian:
anni di mtb e di esperienza in trailbuilding, tanta roba!), a chi ha strappato
quelle poche ore di tempo libero a famiglia e bici per poter dire “io c’ero”
(grazie Luca, Fabri, Maga, Miko, Saro, Marco, Davide, Andre, Pedro) a chi ha avuto il
coraggio di puntare la sveglia su quadranti per lui inesplorati o addirittura
inesistenti (commovente Sed), a chi ha scoperto la soddisfazione del trail
building e la gioia di farlo in famiglia (Zio Ago e Massi, grandi riders,
immense zappe!),  a chi non poteva e si e’ reso diversamente disponibile
(Giuse, Miko e Andre secondo estratto e tutti gli altri!!!). E per ultimo, anche se non sarà il massimo dell’eleganza, un
grazie anche a me….cosi’…tanto per citarmi, il presi, giusto perché due o tre
randellate l’ho tirate anche io!!
 

 

 
Ma
veniamo al trail: a noi piace, e parecchio!
 
 
Sia
a livello di traccia che di tipologia di percorso si posiziona a metà tra El Niño
e l’Eremita: parte da qualche centinaia di metri prima del piazzale delle
antenne del Monte Fasce, nella zona conosciuta come “Corsa”, procede in traverso,
direzione Liberale, snodandosi lungo il percorso trekking della Croce per ricollegarsi,
solo per pochi metri, al Niño e abbandonarlo tuffandosi letteralmente su
Premanico!
 

 

 

Lungo
i 4km di Corsaro, si trovano un po’ tutte le caratteristiche dei trail
SandEnduro: l’ingresso pone subito di fronte al dilemma dello “strizza”: stringo
le natiche o vado di chicken line?
Poi
via di flow sino al primo rilancio che conduce ad una cresta, prati e rocce con
alcuni passaggi tecnici, e di nuovo via nel bosco. Un po’ di flow e passaggi (alcuni
esposti, fate attenzione) su ruscelli e cascate portano i bikers al bellissimo
ponte realizzato da Gio e Gian ed alle prossime 3 sfide del corsaro: il MILF,
il Giamp du Megi ed il temibilissimo CieloDuro! Roba forte: valutare bene prima
di affrontarli!
 

 

 
 
Superato
il Cielo si procede in direzione Cian de Balettin per abbandonare, dopo pochi
metri, il Niño e procedere in Cian de Succou prima e su Premanico dopo, su
sentiero tosto e scassato che termina su scaloni in pietra d’annata (o
dannati?!?!?). Da qui le alternative per i bikers non mancano di certo: nel
sistemare il proprio territorio in vista raduno (31 MAGGIOOOOO!!!!!!!!!), mamma
Spunciabike ha pensato bene di riordinare il Poggio per renderlo percorribile
sia da Apparizione a San Desiderio, che nel verso contrario, che di trasformare
le Priasche in un mini bike park dove sgasare e rendere grazie alle ultime
gocce di adrenalina ancora disponibili in corpo!!!!
 
 
 
Adesso
tocca a voi bikers! Sgommate, sgasate e fateci avere le vostre opinioni!
 
Le
uniche raccomandazioni che ci sentiamo di fare:
Prudenza
e Protezioni
Rispetto
della natura e del lavoro svolto
 
W
il Corsaro e W la Spunciabike!
 

 

 

 
 

 

 
 

Un commento

  1. Per la prima volta ieri 23/09/2017 sono “salito” sul Corsaro con la mia vecchia Scott del 2004..
    Che spettacolo.. un capolavoro tra adrenalina e bellezza del paesaggio.
    Urlavo come un bambino dall’alto dei miei 47..
    Grandissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *